Apri il menu per selezionare la linguaOpen language selection Italiano Menu Cerca
Donare
Uno studio analizza il rischio delle donne con asma di sviluppare una broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)

Uno studio analizza il rischio delle donne con asma di sviluppare una broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)

In Canada alcuni i ricercatori hanno riscontrato che oltre il 40% delle donne asmatiche potrebbe sviluppare una BPCO.

Gli scienziati hanno studiato la storia clinica di 4.051 donne affette da asma, residenti in Ontario, in Canada, riscontrando che 1.701 di queste – ossia il 42% – aveva sviluppato la BPCO.

Quando coesistono i sintomi sia di asma sia di BPCO, si parla spesso di sindrome da sovrapposizione asma-BPCO (ACOS). Le persone con ACOS sono più soggette a riacutizzazioni dei sintomi e necessitano in genere di maggiori trattamenti ospedalieri; tendono inoltre a stare meno bene rispetto alle persone affette unicamente da asma o BPCO.

L’intento dei ricercatori era quello di capire meglio le ragioni per cui alcune donne con asma sviluppavano ACOS e altre no. Analizzando le cartelle cliniche, hanno confrontato alcuni fattori di rischio legati allo loro stile di vita e all’ambiente in cui vivevano, per identificare delle tendenze comuni.

Hanno così riscontrato che le forti fumatrici correvano un rischio maggiore di sviluppare l’ACOS, sebbene il 38% di chi aveva sviluppato la malattia non avesse mai fumato. Altri fattori associati a un aumento del rischio di ACOS erano l’obesità, l’abitare in zone rurali, un livello di istruzione basso e la disoccupazione.

Pertanto, i ricercatori raccomandano che le persone affette da asma ricevano un sostegno per vivere nel modo più sano possibile: siano, per esempio, aiutate a smettere di fumare, mangiare in modo più sano e fare più attività fisica.

Lo studio è stato supportato dall’Ontario Thoracic Society e pubblicato negli Annals of the American Thoracic Society.

Leggi il comunicato stampa.

Leggi l’articolo pubblicato sulla rivista.