Apri il menu per selezionare la linguaOpen language selection Italiano Menu Cerca
Donare
Necessità di un’azione globale contro l’infezione polmonare nei bambini

Necessità di un’azione globale contro l’infezione polmonare nei bambini

Dopo aver studiato l’impatto del virus respiratorio sinciziale (RSV) sui bambini di tutto il mondo, i ricercatori del Regno Unito chiedono un’urgente azione per combattere il virus.

L’RSV è un’infezione che presenta sintomi simili a quelli di un forte raffreddore. Si diffonde rapidamente ed è molto comune; la maggior parte dei bambini viene infettata dal virus entro i 2 anni d’età. Nella maggior parte dei casi l’RSV non è grave, ma in alcuni casi può condurre a condizioni polmonari più gravi come la polmonite o la bronchiolite. Al momento non esiste alcun vaccino ampiamente usato per combattere l’RSV.

I ricercatori hanno esaminato 329 studi che hanno analizzato l’impatto dell’RSV sui bambini, scoprendo che ogni anno si verificano circa 33 milioni di casi di RSV nei bambini di età inferiore ai 5 anni. Di questi, circa 3 milioni (il 9%) hanno bisogno di un trattamento ospedaliero a causa delle complicanze e circa 115.000 di essi (0,3%) muoiono.

Quasi metà di questi decessi avviene nei bambini di età inferiore ai 6 mesi e quasi tutti (oltre il 99%) si verificano nei paesi più poveri.

I ricercatori hanno scoperto che metà dei bambini con infezioni da RSV vivono in India, Cina, Nigeria, Pakistan e Indonesia. Tuttavia, il numero complessivo di bambini che contrae l’RSV potrebbe essere maggiore, poiché vi è una scarsità di dati in Africa e Asia del Sud.

In base a tali scoperte, i ricercatori sottolineano l’importanza di trattamenti economicamente accessibili e di vaccini efficaci contro l’RSV per ridurre il numero di bambini che muoiono a causa di complicanze.

Leggi la notizia originale

Leggi l’articolo sulla rivista

Visita la nostra pagina sulle malattie polmonari nei bambini.

Visita la nostra pagina sulle infezioni acute del tratto respiratorio inferiore.